Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
31 luglio 2013 3 31 /07 /luglio /2013 10:39

Nell'anno 1977, all'incirca tra settembre-ottobre, quasi in contemporanea con Bunasera Con (Con Carotenuto o forse Silvan)  sul secondo canale ( per la cronaca il secondo canale diventerà RAI 2 solo due anni dopo)  intorno alle 19 andava in onda, rigorosamente in bianco e nero (la televisione a colori in italia appare a febbraio del 1977 ma pochi possedevano i televisori adatti allo scopo quindi venivano trasmessi in quel periodo a colori solo trasmissioni di un certo rilievo come Domnica In o le olimpiadi ecc.. )  "Mamma a quattro ruote".

Da notare che molti in rete e perfino su wikipedia scrivono che la trasmissione andò in onda sul primo canale ma sono abbastanza sicuro che si tratta di un errore. 

Il telefilm racconta la storia di David Crabtree, alla ricerca di una station wagon usata da adibire a seconda automobile della famiglia, questo finchè l'uomo non  sente una voce familiare che gli parla attraverso l'autoradio di una vecchia automoblie del 1928 (lui è l'unico a poter udire questa voce) e decide  di acquistarla perché si accorge che in essa si è reincarnata, addirittura,  sua madre.

 

 

David Crabtree è interpretato da Jerry Van Dyke ed è fratello del più famoso Dick Van Dyke .

 

http://www.sitcomsonline.com/photopost/data/784/0aScreenHunter_522_Nov_03_17_27.jpg

http://arkansasentertainershalloffame.com/home2/wp-content/uploads/2010/04/1998-Jerry-Van-Dyke.jpg

 Dave Crabtree era un avvocato di provincia di mezzi modesti, con una moglie, Barbara, due figli, Cindy e Randy, e un piccolo cane. Durante una visita a un negozio di auto usate per cercare un auto di seconda mano a buon mercato fu stranamente attratto da una vecchia Porter del 1928 .

 

http://www.remarkablecars.com/main/custom/1928-porter-1b.jpg

Con grande stupore si accorse che l'auto poteva rivolgergli la parola attraverso la radio e ancor di più fu meravigliato quando l'auto lo informò che era...  la reincarnazione di sua madre Gladys.  

L'uomo comprò la macchina e, proprio come faceva con la sua adorata mamma, ogni volta che  aveva un problema, visitava  il garage e  si rivolgeva ad essa per chiedere consigli . Purtoppo pero l'auto parlava solo a Dave (o almeno solo lui poteva sentirla).  Oltre a interloquire con Dave, mamma Gladys riesce anche a vederlo dai fari anteriori; prima di andare a dormire, il premuroso figlio le stendeva una coperta sul cofano affinché non prendesse freddo.

Insieme a  Jerry Van Dyke troviamo Maggie Pierce 

http://www.sitcomsonline.com/photopost/data/784/0aScreenHunter_523_Nov_03_17_27.jpg

 

nei panni della moglie Barbara; Cindy Eilbacher e Randy Whipple sono rispettivamente Cindy e Randy, i figli della coppia;

 

http://www.sitcomsonline.com/photopost/data/784/MyM31.jpg

 

 Il cattivo della serie era il capitano Mancini, un collezionista di auto d'epoca che cercava costantemente  di trovare un modo per portare la Porter lontano da Dave.  Sua complice era la sempre bella e affascinantissima Barbara Bain (la dottoressa Russel di Spazio 1999

 

http://www.deathbymovies.com/wp-content/uploads/2012/06/avery-schreiber.jpg

 

 

Qui potete vedere Avery Schreiber che tenta di rubare l'auto insieme  a Barbara Bain.

 La serie, creata da Allan Burns e Chris Hayward, è prodotta da Rod Amateau, il quale compare anche come regista occasionale.

Paul Hampton è l’interprete del tema musicale.

 

 

Everybody knows
 in a second life,

we all come back
 sooner or later.

As anything from a pussycat
to a man eating alligator.

Well you all may
 think my story,

is more fiction than it's fact.

But believe it or
not my mother
dear decided she'd come back.

 

As a car...

She's my very own
guiding star.

A 1928 Porter.
That's my mother dear.

'Cause she helps me through everything I do
And I'm so glad she's near.

 

My Mother the Car.
My Mother the Car.

 

Nonostante l'uguaglianza ad altri film tipo Herbie, o Dudù... un maggiolino tutto matto e simili i critici e gli spettatori adulti generalmente stroncarono lo spettacolo, spesso selvaggiamente, tanto che nel  2002, TV Guide lo proclamò come "il secondo peggiore di tutti i tempi, dietro il  Jerry Springer Show  (programma basato su litigi e botte in diretta tra i protagonisti).

Infatti di Mamma a quattro ruote sono stati realizzati sol 30 episodi ( i primi in bianco e nero).

 

Curiosità

Nella serie vennoero utilizzate 3 vetture.

Il corpo della macchina (finito in rosso garofano Metalflake con un top bianco) era composto da diversi veicoli tra cui una Ford modello T, una Maxwell, una Hudson e pezzi di una Chevrolet .  
Per far sembrare che la macchina era senza guidatore  (quando era il fantasma della mamma a guidarla) il pianale posteriore veniva rimosso in modo che un secondo pilota veniva collocato fuori dalla vista del pubblico e guidasse  l'automobile utilizzando degli specchi.

Il produttore James L. Brooks è stato anche  produttore esecutivo dei Simpson, infatti in un episodio dei Simpson   "Lovematic nonno" hanno  parodiato l'idea di base di questa serie.

 

Trama:

Nel garage di un concessionario d’auto, Dave Crabtree scopre che sua madre Gladys si è reincarnata in una vecchia automoblie,  la compra e la porta a casa, con grande costernazione della moglie e dell’eccentrico collezionista di auto capitano Manzini che l’aveva adocchiata.

Da quel momento la presenza della mamma in quella “forma” provoca diverse avventure poco divertenti per l’uomo, come quando egli fu  costretto a guidare sua madre a un matrimonio in montagna con lei completamente ubriacata dall’antigelo.

In un altra vicenda Gladys, l’auto,  si addormenta e finisce su un camion diretto a Messico. Quando a casa scoprono che manca, sia Dave e il capitano Manzini fanno di tutto per recuperarla.

 Quando poi la mare di Dave lo madre  incoraggia a immischiarsi negli affar dei loro vicini che litigavano riesce addirittura a far loro  rompere definitivamente il  matrimonio.

Ossessionato da quella macchina il capitano Manzini lancia l'Operazione senza scrupoli: egli con l’intenzione di rubare l’auto ne trova una simile , assume un trio di ladri per rubare l'originale e stabilisce un alibi di ferro per se stesso. Ovviamente non riuscirà nell’intento.

Nel frattempo i  vicini antipatici fanno una petizione contro  Dave per costringerlo a sbarazzarsi della sua automobile  considerata un “pugno nell'occhio", ma cambiano immediatamente idea  quando un dirigente televisivo annuncia l'intenzione di usare la vecchia Porter in uno spot televisivo.

 Le storie proseguono con lo stesso stile tra vicende assurde e paradossali, come quando Dave si spaccia per ventriluoqo  o quando sua   Madre viene colta da  amnesia in seguito ad un tamponamento o  quando un postino ficcanaso convince funzionari della polizia che Dave ha ucciso sua madre e ne ha  sepolto il cadavere sotto il pavimento del garage.

 In un episodio, essendo stata scoperta dai figli di Dave, Cindy e Randy,  fa credere loro che lei è un genio che fa diventare i desideri realtà quando viene strofinata da  un panno magico ma è solo uno strataggemma per farsi ripulire un poco la carrozzeria. 

L’ultimo episodio vede un teppista pistolero e il suo complice che  si nascondono presso la casa Crabtree dopo aver rapinato una gioielleria.  Ovviamente i criminali cercano di proseguire la loro fuga utilizzando la maccina ignari del fatto che essa è posseduta da un fantasma .

 

Ecco i titoli degli episodi:

Vieni a suonare il clacson
I De-Fenders
Che cosa congela la zietta? (Dave è costretto a guidare sua madre a un matrimonio in montagna, ma lungo la strada che lei si ubriaca con antigelo)
Lassie, voglio dire mamma, vieni a casa
Bistecca bruciata
devo diventare un bravo ragazzo
Luci, camera, Madre
Il Capitano Manzini
TV or Not TV
Mio figlio, il ventriloquo
Mio Figlio, Il Giudice
lasciateci il  Drive-In
per chi suona il clacson del corno
Hey Lady, lo scontrino non viene visualizzato
Molti felici no return
Viaggio di nozze
I ricordo Mama, perché non puoi Ricordami?
Goldporter
l'incrediblie compressore molecolare
Preferisco farlo io Madre
Non si può arrivare da qui
Un Enigmista sul tetto
Mio figlio, il  criminale
Un Facsimile 
Sopra la collina
Potrebbe anche essere primavera
Absorba greco
Il Blabbermouth
Quando desideri un auto
Minuti Desperati

 

Condividi post

Repost 0

commenti

Stengo 06/14/2015 17:36

Accidenti!
Lo avevo rimosso!
Quanto lo adoravo questo telefilm!
Grazie tantissime!
Concordo sulla data, vista anche la mia età, direi 77 ^_^

Angelo S. 12/25/2013 05:45


Forse ci sono due errori nel testo. L'anno in cui andò in onda "Mamma a quattro ruote" su RAI2 (o meglio, sul secondo canale, come si chiamava allora) alle 19:00 era il 1977 (non
il 1967) ed era trasmesso a colori, dai primi apparecchi TV color in Italia. 

anni70-latvdeiragazzi 06/16/2015 13:22

Grazie per la correzione Angelo, 1977 e non 1967 per dirla con Fantozzi "mi si sono intrecciati i diti".
Per quanto riguarda la faccenda della messa in onda a colori personalmente non ho voce in capitolo perchè a casa mia la Tv a colori arrivò mooooolto tardi. Quello che è certo è che la prima trasmissione a colori fu "domenica IN" a febbraio del 1999. Siccome non erano tanti i televisori a colori in commercio con il nuovo sistema PAL, reso standard per legge, il palinsesto continuava ad essere parte a colori e parte in bianco e nero. Sicuramente a colori furono mandate i programmi di un certo rilievo come le olimpiadi, Sanremo, e poi qualche sceneggiato di un certo richiamo ecc... e questo per almeno uno due anni. È per questo che mi sembra strano che "Mamma a quattro ruote", che non è chissà quale telefilm, sia stato mandato a colori. Comunque, se me lo confermi con certezza modificherò anche questa informazione. Un ultima cosa: sono abbastanza sicuro che il telefilm andò in onda sul secondo canale e non sul primo ma in rete quasi tutti dicono il contrario. Mi puoi confermare il mio ricordo? Grazie ancora.

Presentazione

  • : TV dei ragazzi anni 70 e 60 ma non solo
  • TV dei ragazzi anni 70 e 60 ma non solo
  • : Questo blog dedicato alla TV DEI RAGAZZI anni 70 nasce come tentativo di recuperare informazioni e frammenti della nostra memoria bambina relativi a programmi tv anni 60 e anni 70, cartoni animati, sceneggiati rai, scatole giochi e giochi per bambini
  • Contatti

Ricerca All'interno Del Blog