il corso di inglese ''Hello Charley

Pubblicato il da anni70-latvdeiragazzi

Sempre nel periodo in cui la televisione rispettava la sua vocazione didattica formativa, quando ancora echeggiavano nelle valvole e nei primi transistor le lezioni d'italiano    “Non è mai troppo tardi” (dal 1961 e il ’67) del Maestro Manzi, l'uomo che ha alfabetizzato mezza italia.

http://2.bp.blogspot.com/_V3SFLo_rT2A/TG73CMZ8TEI/AAAAAAAABNw/SVOSMAGzrXM/s1600/alberto_manzi.jpg

Qualche anno dopo la rai trasmise un corso di lingua inglese per bambini delle elementari in onda sulla Rai dal titolo ''Hello Charley''.
Il programma era  l'attore Carlos De Carvalho

 

carlos.jpg

 

(nella foto nelle vesti delGiovanni Battista nel film: IL MESSIA di Roberto Rossellini. È stato attore anche in "state buoni se potete " di Luigi Magni e in "uno scandalo per bene" di Pasquale Festa Campanile)

  
Charlie era probabilmente un ragazzo bruno coi baffi che, circondato da bambini, insegnava loro l'inglese in vari contesti (durante un gioco,per esempio).
Fu un programma longevo (o molto replicato) ne trovo notizia nell'anno 1974 ma anche nel 1977 dopo il telegiornale delle 13,30 e Oggi al Parlamento ... alle 14,25 iniziava "Hello Charley", trasmissioni introduttive alla lingua inglese per la scuola elementare, a cura di Renzo Titone, testi di Grace Cini e Maria Luisa De Rita, coordinamento di Mirella Melazzo De Vincolis, regia di Armando Tamburella, 25° trasm., a cura del Diparimento Scolastico-Educativo (replica).

 

Anzi, ecco proprio un palinsesto del 1974 :

La RAI-Radiotelevisione Italiana,in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione, presenta:
9,30 EN FRANCE AVEC JEAN ET HELENE
Corso integrativo di francese
10,10 HALLO, CHARLEY !
Trasmissione introduttiva alla lingua inglese per la scuola elementare
10,30 SCUOLA ELEMENTARE
10,50 SCUOLA MEDIA
11,10 - 11,30 SCUOLA MEDIA SUPERIORE

Televisione totalmente educativa, come oggi... o no?

RENZO TITONE
Professore di psicopedagogia del linguaggio e della comunicazione all'Università La Sapienza di Roma. Ha insegnato all'Università di Toronto in Canada e ha diretto la rivista "Rassegna italiana di linguistica applicata (RILA)".
Esperto di lingue ed è uno dei maggiori esponenti del metodo ludico applicato all'insegnamento delle lingue straniere.
Alcuni punti fondamentali del suo pensiero:
Il coinvolgimento del discendente nella scelta degli obiettivi accresce la sua motivazione.
L'insegnamento risulta più efficace se il discente è posto in una situazione attiva.
La rapidità del'acquisizione e la qualità delle competenze apprese aumentano se il discente riceve regolarmente feedback sui suoi progressi.
0La formazione deve essere centrata sui bisogni di apprendimento dei discenti.
(da Guida alla formazione didattica degli insegnanti, Armando Editore, Roma 1990)
per la cronaca: discente = allievo


Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Augusto Salamanca 07/07/2014 18:15


Cé piu informazioni o video sul programma Hello Charley? Grazie.