Messaggio dallo spazio: Guerre galattiche aka GUERRE TRA GALASSIE

Pubblicato il da anni70-latvdeiragazzi

 

Nel 1977, "Star Wars" (Star Wars: Episodio IV - Una nuova speranza ) ottenne un  successo esplosivo negli Stati Uniti e nel mondo intero.

Da quel momento, in Giappone, ogni compagnia cinematografica si dedicò  al genere della guerra spaziale di fantascienza tentando di cavalcare l’onda del boom senza precedenti di "Star Wars”.

Ecco come nacque il film  Messaggio dallo spazio: Guerre galattiche.

Questo "messaggio dallo spazio" ha una  filosofia abbastanza sempliciotta, così come i suoi effetti speciali.  Oggi faticheremo a collocare questo film perfino tra quelli di serie B. È importante sottolineare anche  che, dal 1978, sono stati prodotti in Giappone numerosi film e serie TV di fantascienza che non hanno mai avuto successo e molte sequenze, set e materiali sono stati utilizzati anche per questo film. Per dirlo ancora più chiaramente… è questo lavoro che è stato fatto riciclando i detriti di altri film plagiati e imitati da film più noti, tipo appunto  Star Wars, ciononostante questo film prodotto da Toei è costato  l'equivalente di 5 e 6 milioni di dollari, il film più costoso prodotto in Giappone fino a quel momento (ma è pur sempre la metà del costo di Star Wars).

Dalle recensioni contemporanee, Janet Maslin del New York Times ha descritto il film come "così terribile ha una certa integrità comica". [7]

La rivista notava scarsi effetti speciali basati su miniature e che la sceneggiatura era "piacevolmente indecifrabile, e la sceneggiatura sembra essere passata attraverso un robot da cucina con un senso dell'umorismo".

Il film ha generato una serie TV  intitolata Guerre tra Galassie ( 宇宙からのメッセージ銀河大戦 Uchû Kara no Messēji: Ginga Taisen ) di 27-episodo, andata in onda sulle TV private negli anni 80.

La serie TV giapponese è basata sul manga di Shotaro Ishimori, è una serie fantascientifica incentrata sulle vicende di tre eroi che devono difendere la Terra dall'Impero Gavaniano presieduto dal malefico Roxeya XIII.  Essa è ambientata tre anni dopo le vicende del film. 

Hayato insieme a Ryu, indossando il costume del futuro ninja spaziale basato rispettivamente su argento e rosso, alla guida del veicolo spaziale ultra-performante Sankuokai , simile al Millenium Falcon,  dovranno difendere il loro pianeta e lo faranno a colpi di arti marziali ed effetti speciali, insieme alla misteriosa e bellissima Sophia, su un astronave vascello, che darà loro aiuto.  Con loro combatteranno anche lo scimmione Simon e il droide R2-D2... cioè, no... volevo dire SIDERO.

La storia ha luogo nel futuro, dopo che gli umani hanno iniziato la colonizzazione dello spazio e stanno regolarmente migrando verso i sistemi galattici. Uno di questi è il XV Sistema Solare, distante 15 anni luce dalla Terra. Tre sono i pianeti di questo sistema: Sheita, Ahalis e Belda… che godono di pacifica prosperità.

Ma un giorno, questi pacifici pianeti sono invasi e occupati dalle truppe del crudele Impero Gavaniano. 

La trama ruota intorno Ayato, un giovane studente della scuola di piloti Belda, che una volta terminata la loro formazione scopre che la sua famiglia è stata uccisa da Gavanas, una razza da un'altra galassia che è dedicato a conquistare pianeti sotto il comando dell'imperatore Roxeya XIII.

 

 

La sigla italiana della serie televisiva, intitolata Guerre fra galassie e composta da Douglas Meakin, Dave Sumner e Giancarlo Giomarelli, venne stampata dalla RCA sul retro del 45 giri dei Superobots Ken Falco nel 1979.

 

Un adattamento manga di Kaoru Shintani è stato pubblicato su Kodansha 's TV Magazine da agosto a dicembre 1978.

Eroi 

  • Hayato ( Hiroyuki Sanada ): giovane nativo del pianeta Analis. Quando vede la sua famiglia morire nelle mani dei Gavanas, decide di dedicarsi a combattere contro di loro per liberare il XV sistema solare. È un esperto di arti marziali. Al momento del combattimento assume la caratterizzazione di "Fantasma".
  • Ryu (Akira Oda): pilota esperto di un mercantile, originario del pianeta Belda. Si unisce ad Ayato nella sua lotta contro i Gavanas. Come Ayato, è un esperto di arti marziali, assumendo la caratterizzazione di "Star Pitcher".
  • Simon (Ryo Nishida): sperimentato copilota di Ryu, è un essere umano con caratteristiche scimmiesche, grande forza fisica e un alto senso di amicizia.
  • Sofia Princess (Yoko Akitani): È una specie di fata che viaggia nella nave Azusis, che ha la forma di una nave spaziale. Aiuta costantemente l'equipaggio del Sankuokai quando le cose si fanno difficili, ed è la chiave nella lotta contro Roxeya XIII e Gavanas.
  • Sidero: è un robot che aiuta l'equipaggio del Sankuokai. Divenne parte del gruppo perché Ryu lo vinse in una gara di lancio di coltelli. Ha una nave ad-hoc per muoversi attraverso l'aria.
  • Gen Shin: padre di Ayato, muore per mano dei Gavana, ma non prima di inviare un messaggio alla Terra per informare dell'imminente invasione dei Gavana.
  • Kamiji: leader della resistenza contro i Gavanas in Analis. Si mette in contatto con Ayato e Ryu per aiutarsi a vicenda nella lotta.
  • Hanna: la nipote di Kamiji, è rimasta orfana quando i Gavanas hanno ucciso i loro genitori.
  • Kan: Re di Belda.

Cattivi

  • Roxeya XIII: Imperatore dei Gavanas. Non si vede mai la sua faccia, solo comunica attraverso una figura a forma di teschio che è a bordo della nave madre dei Gavani, il Cosmosauro. A volte viene trasportato su una nave con una figura diabolica di pietra di grandi dimensioni, il Golem XIII. Solo alla fine della serie rivela la sua vera identità.
  • Koyer (Shinzuo Hotta): capo militare dei Gavana, è il nesso tra questi e l'imperatore Roxeya XIII.
  • Viger (Jiro Shirai): leader del corpo Ninja Gavana, fratello di Koyer, è un assassino spietato e crudele.
  • Kunoi (Ritsuko Fujiyama): Donna ninja delle Gavanas, di particolare bellezza ed esperta nell'arte del travestimento.
  • The Ninja Monsters: in molti capitoli ne appare uno diverso, ognuno dei quali ha un potere speciale.

Ovviamente anche questa serie TV ha prodotto una scia di oggetti di merchandising

 

 

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post