Overblog
Segui questo blog
Administration Create my blog
4 ottobre 2016 2 04 /10 /ottobre /2016 07:29

Mariano Rigillo

Beh, se dovessi dirvi chi è Stelvio Cipriani vi direi che è uno degli autori più richiesti nel campo delle colonne sonore cinematografiche: lui è quello che ha composto, tra le altre, la musica di "Anonimo Napoletano".

Se mi chiedete chi è Rita pavone come posso non dirvi che è stata una delle più brave cantanti degli anni 70 che cantava, tra le altre, canzoni come "cuore" o "come te non c'è nessuno"?

Potrei non elencare alcuni successi di Mal (Paul Bradley) come "parlami d'amore Mariù" o "pensiero d'amore?

Giocani! Questo è il blog dedicato alla tv dei ragazzi degli anni '70 e noi, che siamo rimasti bambini dentro e amiamo parlare di cose che riguardano la nostra amata tv di quando eravamo bambini per cui sappiate che, per noi, Stelvio Cipriani è sopratutto l'autore della canzone "sitting Bull" dello zecchino d'oro del 1968… che Rita Pavone oltre ad inneggiare alla rivoluzione cantando "viva la pappa col pomodoro" cantava anche "paperita" e "My Name is Ptato" e, infine, per noi Mal sarà sempre la voce della sigla "Macckintosh" sigla del Dirigibile e, soprattutto quello che cantava "FURIA cavallo del west".

Dopo questa Excusatio non petita... possiamo finalmente parlare di...

Mariano Rigillo.

 

Mariano Rigillo nasce a Napoli nel 1939. Si diploma all’Accademia d’arte drammatica di Roma e lavora con diverse compagnie teatrali molto note del periodo. Si dedica per un certo periodo alla televisione, per la quale interpreta parecchi sceneggiati TV tra cui DOV'È ANNA, I racconti del Faro, Il cappello del prete. Passa al cinema (Box Office 3D di Ezio Grerggio, To Rome with love di Woody Allen, Il caso Tortora , Centovetrine) e poi ritorna a teatro interpretando Ibsen, Goldoni, Brecht, Pirandello, Petito (vi segnalo questo post su un altro mio blog dedicato a Pulcinella dove si parla di lui).

Adesso è subentrato allo scomparso Luca de Filippo come Direttore della Scuola di Recitazione del Teatro Stabile di Napoli - Teatro Nazionale E, nello specifico… perchè ci occupiamo di lui in questa sede? perchè Mariano Rigillo è stato l'interprete di SATURNINO FARANDOLA.

Saturnino Farandola

Nel 1879 , lo scrittore francese Albert Robida (1948 - 1926) scrisse il romanzo fantascientifico-avventuroso Viaggi straordinarissimi di Saturnino Farandola (Voyages très extraordinaires de Saturnin Farandoul) forse ispirandosi ad altri lavori del coevo Jules Verne, (1828-1905) che proprio qualche anno prima aveva scritto ben 62 romanzi e 18 novelle intitolate Viaggi Straordinarissimi, Cinque settimane in pallone ispirato alle imprese pionieristiche dell'amico fotografo Nadar e il più celebre Il giro del mondo in ottanta giorni nel 1873.

Forse Robida fu ispirato da Verne ma, non dimentichiamo: l'arte è un continuo influenzarsi a vicenda: Saturnino, bambino allevato dalle scimmie, probabilmente influenzerà 14 anni dopo il Premio Nobel per la Letteratura Rudyard Kipling, che racconterà la storia di Mogwli e del libro della giunga e, forse… 33 dopo l'altra mitica figura positiva per ragazzi creata da Edgar Rice Burroughs. Tarzan, il signore della giungla.

Dal romanzo di Robida fu tratto un film muto del 1913, Le avventure straordinarissime di Saturnino Farandola, talvolta citato come una delle prime espressioni della fantascienza cinematografica europea. Il film,   diretto e interpretato da Marcel Fabre (qui, dove l'attore ex  acrobata e clown da circo, in un raro spezzone, interpreta il protagonista della serie Robinet)  è diviso in quattro episodi: L'isola delle scimmie, Alla ricerca dell'elefante bianco, La regina dei Makalolos e Farandola contro Fileas-Fogg.

 

Il film, fu prodotto dalla Società Anonima Ambrosio di Torino,  è 'allegro e spensierato. Salta dalla fantasia di una avventura marittima, alla fantascienza e  alla commedia nel giro di pochi minuti. La caratteristica di questo film è quello di intrattenere evitando che il suo pubblico si annoia anche solo per un minuto. Alla pellicola va riconosciuto il merito di aver fatte proprie la lezione e le atmosfere fantastiche delle opere di Méliès  riconosciuto come il padre degli effetti speciali al cinema.

...ma, quello di cui ci compete parlare in questa sede, è lo sceneggiato anni '70   (girato negli studi RAI di Napoli) Saturnino Farandola con, appunto Mariano Rigillo che fu trasmesso su rete due apartire da giovedì 07/04/1977 fino al 04/01/1978 , all’interno della Tv 2 Ragazzi. Anzi, più precisamente all'interno del contenitore "IL DIRIGIBILE" condotto da Mal e Maria Giovanna Elmi.

 

La sigla iniziale

Nel 1977 avevo 10 anni e Saturnino Farandola, confesso, non l'ho visto (ma poi mi sono rimesso in carreggiata). Cosa vedevo? Forse Nata libera o Lone Ranger su Rete 1? O forse mi preparavo all'esame di quinta elementare? Boh?
La sigla però… la ricordo… quindi… può anche essere che all'epoca lo stile grafico e narrativo dello sceneggiato non mi piaceva. Anzi… no, non è che non mi piaceva… qella palla bianca che roteava con e quelle immagini statiche che comparivano e si fermavano… il grigio: forse la sigla mi creava un poco d'ansia.

 

Questa sigla è stata disegnata ed animata dall'illustratore Elio Passacantando;

Passacantando è stato un grafico, illustratore, regista e animatore romano. Realizza numerosi cartoni per carosello, il lungometraggio Il giornalino di Giamburrasca e partecipa alla realizzazione del film dei Beatles Yellow submarine, Sue sono molti stacchetti e sigle per la sigle per la RAI tra cui Poker d'Hitchcok e la sigla di TV2 ragazzi che introduce lo sceneggiato Saturnino Farandola.

Saturnino Farandola con Mariano Rigillo su rete due

Il napoletano Mariano Rigillo, qui con una "r" moscia alla francese posticcia caratterizza in modo simpatico e gradevole il marinaio Saturnino. Canta, e con lui lo fanno anche gli altri protagonisti dello sceneggiato diretto da Raffaele Meloni: Franco Angrisano (l'imbonitore), Emilio Marchesini (Mandibola), Daria Nicolodi, Armando Bandini (si... proprio colui che diede la voce a Righel di Goldrake) ecc...

La scenografia è molto stilizzata, al punto che vengono spesso usate sagome per rappresentare alberi, barche, cammelli e anche figure umane. Tutto in un impianto rigorosamente in bianco e nero (non come le immagini soto che sono state ricolorizzate dal sito: ItaliaColorizzata.

Saturnino Farandola con Mariano Rigillo su rete due
Saturnino Farandola con Mariano Rigillo su rete due

Lo sceneggiato

Location: interno di un salottino forse di qualche casa di un nobile di inizio novecento. Panoramica: Un fotografo con tanto di baffo a manubrio e paglietta in testa, scatta una foto ad un uomo che infila la testa in un foro ricavato su un quadro su cui è dipinto la sagoma di un ufficiale, con la sua fotocamera a soffietto montata su treppiedi. Le signore, composte sotto i loro cappelli voluminosi, ridono.
Una donna anziana si lascia oscillare sulla sedia a dondolo da un marito poco felice di accontentarla.
Le altre signore accompagnate dai loro mariti e dai loro ombrellini si apprestano a prendere posto sulle sedie davanti al piccolo palchetto… qualcuna (Daria Nicolodi) si ferma davanti alla gabbia della bertuccia giocando un po con lei.
Il fine presentatore attira l'attenzione dei presenti con queste parole: " Oggi spettacolo d'eccezione. La meravigliosa macchina dei fratelli Lumière presenta: Le incredibili avventure e i viaggi straordinarissimi di Saturnino Farandola nelle cinque o sei parti del mondo, e in tutti i paesi visitati e non visitati da Giulio Verne."
A questo punto gli spettatori, nell'attesa che si spengano le luci e si accenda il cinematografo, parlottano tra di loro della storia che si apprestano a vedere:

Puntata 1
" - Ma chi sarà questo… Saturnino Farandola? Lei ne sà niente?
- Ah… io no! E lei, Consigliere, ne ha mai sentio parlare?
- Di chi?
- Ma di Saturnino Farandola.
- Ahhh… Saturnino Farandola. Ma si certo. Quando prestavo servizio alla nostra ambasciata presso il celeste impero… ricordo… che a Canton… no, non era Canton. A Shangai! No, non era Shangai…. Non era lui."

E ogni puntata, prima della sigla, questo discorso diventava occasione per fare un riassunto della puntata a noi, che eravamo i veri spettatori.

Saturnino Farandola. decimo parallelo nord e centocinquantesimo di longitudine occidentale.

Puntata 2
" - Cosa c'è in programma stasera?
- Come, non lo sà? Ma Saturnino Farandola, re delle scimmie e terrore dei pirati.
- Ma che storia è questa? Che storia disgustosa. Una scimmia anche lui allora.
- Oh no, signora. Veda, mi permetta, Saturnino è un uomo. Anzi un francese. Ma fin dalla più tenera età, unico superstite di un naufragio, fu allevato e adottato da una famiglia di scimmie.
- Bell'educazione, figuriamoci! Le scimmie gli avranno giusto potuto insegnare a saltare di ramo in ramo.
- Magari, cara signora. Ma il fatto è, veda, che le scimmie non riuscirono ad insegnargli le proprie abilità nemmeno in questo campo… per via di un difetto congenito alla razza umana.
- Ah… non le permetto di insinuare. Ma è inaudito. Se lei è Darwinista lo dica subito e, comunque, neanche il signor Darwin si sarebbe permesso di insinuare cose simili sull'uomo.
- Ma la coda, naturalmente. L'uomo non ha… la coda. È fu proprio per la mancanza di coda che Saturnino, sentendosi menomato, abbandonò l'isola delle scimmie e la sua famiglia adottiva.
- Tutto qui? avevo sentito parlare di pirati.
- Ah, certo. Ci sono anche i pirati. La nave francese che raccolse Saturnino cadde in mano del pirata Bora Bora. Durante l'arrembaggio, il vecchio comandante della corvetta che aveva adottato Saturnino, fu ucciso dai pirati e Saturnino con tutto l'equipaggio, e qui stà il punto, fu fatto prigioniero."

Puntata 3

"È una storia deliziosa. Con la piratessa che tradisce la confraternita per amore di Saturnino: romantico. Mi ha fatto piangere… e come muore poi per salvarlo da Bora Bora.
-Uh, beh certo, abbastanza incredibile: una donna pirata! E quando si è visto mai? È poco… credibile. Poco "gentile" verso il "gentil sesso". Ah ah perdonatemi il bisticcio di parole.
- Deve essere una licenza poetica, una illuminazione del signor Lumiere. Non mi risulta che il signor Robida possa aver pensato in questi termini a una signora.
- E perché no? forse che una donna deve essere considerata inferiore a un uomo… solo perché donna?
- Mio Dio… che bella compagnia! Da quando quelle quattro inglesi si sono messe a strillare di diritto al voto per le donne… anche da noi non si respira più! Suffraggette dappertutto.
- Suvvia basta… una cosa non ho capito bene la volta scorsa: chi era quel signore sulla nave sottomarina?
- Vuol dire sul sommergibile? credo che si tratti del capitano Nemo un eroe del famoso romanzo del signor Giulio Verne 20.000 leghe sotto i mari. ricorda? D'altra parte la storia si svolge sull'isola misteriosa, che la base del Nautilus, il sommergibile appunto del capitano Nemo… quindi salvatore di Saturnino non può essere che lui.
- Emozionante… è quei personaggi strani che spariscono dentro il mare… che uccidono i pirati?
- Sono palombari, mia cara, palombari. Uomini come noi, che grazie a degli abiti super resistenti ed impermeabili possono vivere sott'acqua e passeggiare tra i pesci, come nel tinello di casa.
- Comunque, questo Saturnino, allevato dalle scimmie… rimane un gentiluomo misterioso. Affascinante."

Puntata 4
" - Povera Misora… povero Saturnino. Forse che non è romantico questo amore straordinario in fondo al mare? Romeo palombaro e Giulietta sottomarina suona bene vero?
- Peccato però che tutto debba finire con quella terribile balena.
- Ecco, appunto, la balena. È assurdo, inammissibile! Sò per certo che le balene rifiutano qualsiasi contatto gastronomico con pesci… più grandi di un'aringa.
- È la storia di Giona allora?
- E chi è Giona?
- Insomma questo giovanotto allevato dalle scimmie, si rivela a un vero e propriotombeur de femmes nel senso più stretto della parola. Non ne resta una viva: prima è morta la piratessa per amor suo. Poi… questa principessa malese, solo per aver accettato un appuntamento in fondo al mare, viene mangiata da una balena. Ma chi sarà mai questo giovanotto?
- Chi? Lui? Saturnino Farandola! Ah…"

Puntata 5
"- Insomma… È proprio morta la propria povera Mesora?
- Irrimediabilmente perduta. Non dice così anche Saturnino a conclusione dell'avventura?
- Bello!. Proprio istruttivo!. La storia di una lunga agonia con canzonette. Altro che Romeo palombaro e Giulietta sottomarina. Qui, al solito, sono le donne a fare le spese di tutto. Siamo sempre noi a dover morire. e i signori uomini… con la lacrima all' occhio e il lutto all'occhiello ci annunciano commossi che è una storia è finita è un'altra può cominciare.
- Io non sarei così drastico, cara signora vede… a me sembra che le donne, senza l'amore… le maggiori conquiste dell'umanità non avrebbero un motore. Ecco, il progresso, come un albero senza radici…
- Ma quando mai? Quando fa comodo a voi! Le donne e l'amore diventano addirittura i motori del progresso. Purché se ne stiano ferme a casa però. E queste conquiste dell'umanità dei signori uomini poi… ecco: giusto la dinamite. Quella che il professor Krocknuff, innamorato e disperato, usa per distruggere se stesso e naturalmente anche la povera donna indifesa come un pesciolino rosso.
- Beh ma… c'è anche la donna pirata, che diavolo! e quella non scherzava proprio!
- Anche lei strumenta del progresso, prove linea poverina. Ci voleva qualcuno che salvasse l'eroe della vicenda dal colpo di pistola del pirata Bora Bora. Ed ecco, bell'e pronta, una donna innamorata che gli fa scudo col proprio corpo.
- Ma sì, d'accordo, muoiono le due signore che prendono parte alla storia, ma in compenso ci vengono mostrati e in modo istruttivo direi, i sistemi pedagogici della tribù di scimmie che allevato Saturnino. E poi c'è il mondo dei pirati di Bora Bora, con i loro usi i loro costumi, non solo… c'è una descrizione accurata della vita del mondo sottomarino e della vita curiosa del professor Krocknuff nell'acquario.
-Una cosa, sapete, mi ripeto di continuo: vuoi vedere che questo Saturnino… sia esistito davvero? Ah…"

Puntata 6
"- Devo dire che la storia che abbiamo veduto la volta scorsa mi ha finalmente divertito davvero.
- Anch'io, sapete, sono proprio contenta peccato però che non ci abbiano fatto vedere l'elefantino bianco. Deve essere una bella rarità.
- Mi scusi, ma se il nocciolo della vicenda deve essere proprio la spedizione dell'elefantino bianco dal tempo di… dove era poi questo tempio? Beh, insomma come vuole che glielo facciano vedere sì è sparito è sparito?
A Bangkok era il tempio, signora. Nel Sion Si lom meridionale… lo so per certo perché un mio amico ha sposato una signorina giapponese.
- Quella storia poi delle 800 condanne capitali inflitte dal consenso dei bonzi a Saturnino e Mandibola per essere entrati nell'harem del pascià… Ottocento, pensate una per ogni signora dell'harem.
- E il fatto poi, che nessuno potesse entrare a palazzo a prenderli senza subire la stessa pena, ah ah ah… insomma, se non è vera, come si dice, è ben pensata...
- Ah ah mi sembra che quel mandarino di polizia.. quel signore Nao Ching debba avere proprio la coscienza sporca… se non è lui che lui che ha fatto sparire l'elefante… ci ha certamente messo lo zampino.
- Comunque…. sono impaziente di rivedere Saturnino… che uomo straordinario ah!"

Puntata 7
"- ...ma, questo Saturnino Farandola, a me sembra proprio un disastro.
- Badi a come parlo, lei che arriva sempre in ritardo. Ma che cosa ne vuol sapere lei?
- Mi scusi, signora, ma devo proprio insistere. Questo signore… che scambia un elefante bianco con uno grigio dipinto con la biacca,… eh… mi dica lei.
- Ma era di notte. E poi, sono sicura che lo ritrova, e magari in questa puntata.
- Insomma questo signore che decide di andare A cercare l'elefantino bianco e in Asia come fosse un cagnolino sperduto…
- E il risultato? si fa condannare ottocento molte al taglio della testa per la profanazione degli ottocento talami del re del Siam… e come se non bastasse… si traveste da fachiro per entrare a Kifir, la città santa dell'India, dove viene condannato un'altra volta. E giustamente, dico io!
- Beh, adesso non esageriamo. Però, devi ammettere che tutte e due le volte se l'è cavata magnificamente.
- Sì, ma mettendo sempre di mezzo le donne, e questa volta una colonnella, che aveva tutta l'intenzione di fare il suo dovere (anche se perdutamente innamorata di Mandibola)
- E quel che è più grave: ricattando e minacciando di morte 40 graziose vedove onde ottenere salva la vita per sé e per il solito Mandibola. Che eroe!?
- Per favore, signori, meno violenza mi sento svenire… Saturnino Farandola… Ah!

Puntata 8
"- Insomma si può sapere perché questo elefantino e tanto prezioso?
- Beh, mi pare che la signora abbia posto una domanda tutt'altro che stupida. In fondo è propria causa dell'elefante sacro che Saturnino attraversa tutte le peripezie che vediamo. Perché così prezioso l'elefantino bianco?… e vediamo un pò… dunque innanzitutto perché è bianco e quindi è sempre straordinariamente prezioso poi… ehm...
- Ah dunque è per questo che i pirati dopo aver rubato al re del Sian possono rivenderlo con tanta facilità ovunque vadano?
- Mi dica, caro consigliere, ma come fa questo capitan Farandola a conoscere tante lingue di tanti paesi diversi
- Ovvio no? le hai imparate dai marinai della "bella Leocadia" che l'hanno raccolta da bambino dopo la fuga dall'isola fuga dell'isola della Cina. Non ricorda?
- È una caratteristica di tutti i marinai questa predisposizione a ad imparare le lingue però Saturnino, conoscendo le lingue delle scimmie che lo hanno allevato fin dalla nascita, possiede la chiave arcaica di tutte le lingue parlate dall'uomo. Insomma è un po' come la conoscenza del greco e del latino per le lingue europee mi capisce?
- Comunque… È proprio un gran bell'uomo questo Saturnino Farandola ah.

Puntata 9
è una puntata riassuntiva

Puntata 10
"- Adesso che finalmente è terminata l'estenuante ricerca dell'elefantino bianco… chissà dove mai ci porterà Saturnino Farandola.
- Io non sarei tanto ironica, cara signora. A me questa storia di Saturnino Farandola, che dopo infinite peripezie, riesce a riportare al suo proprietario l'elefante bianco e a guadagnarsi i sudatissimi 60 milioni di Ticò non è dispiaciuta affatto.
- Anche a me è piaciuta… e poi, c'era lui: Saturnino Farandola. Ah!"

Puntata 11
"- Ricapitolando: Saturnino va in Africa. Come se niente fosse sconfigge un'intera tribù di antropofagi. Incontra due regine una bianca e una nera. Riesce ad evitare un altro episodio di cannibalismo convincendo le due regine a fuggire con lui su un ippopotamo e finisce per lasciarne una, la bianca, agli scimmioni. Ma… Ditemi voi se questo è una storia che si regge in piedi.
- E non è morale per di più: gli scimmioni… tutti nudi.
- Ah… come fate voi a presto voi, cara signora, a giudicare. Ricordatevi comunque che qui non siamo in teatro, là si inventa ma qui si riproduce la realtà.
- Oh che invenzione questa macchina del signor Lumière. Non si potranno più dire bugie. Sì ma… Saturnino Farandola ah....

Puntata 12
"- Allora è proprio finita la storia di Saturnino?
- perché mai mia cara? il cartello del programma, fuori, dice sempre "le avventure di Saturnino"
- Ma Saturnino è come morto no? era stato sepolto tra le mummie delle grotto di Sa-mum, in Egitto…
- Ah..ma questo non vuol dire che sia finita la storia. Probabilmente accadrà qualcosa, vedrete.
- Altrimenti perché saremo qui non le pare? Oh che strani tipi mi tocca di incontrare: vanno al cinematografo e non sanno che qui può capitare di tutto.
- In questa storia non è mai resuscitato un morto!
- Ma c'è sempre una prima volta… e poi non era morto, era solo addormentato. Ricorda Mesora? Non sembrava perduta?
- Eh. Eera stata ingoiata da una balena!
- … e invece poi la balena l'ha risputata viva e vegeta.
- Lo stesso Saturnino e il suo nostromo Mandibola, in Asia, arrivano a un passodalle morti più tremende: stritolati, spellati vivi, cotti nel grasso bollente… eppure riescono sempre a sopravivere.
- Allorasopravviverà anche questa volta? Ma se si risveglierà dopo molti anni troverà le sue regine ormai nonne e con una schiera di nipotini. E magari sarà vecchio anche lui.
- Impossibile non invecchia mai.
- Certo! Saturnino Farandola Ah!

Puntata 13
"- Già, caro signore. Ma lei non è Saturnino Farandola.
- Perché cosa è successo? fate sentire anche me
- Questo signore sostiene che al posto di Saturnino Farandola, pur di non mettersi nei pasticci, avrebbe accettato di sposare miss Flora, sa quella signorina scozzese noiosa e petulante.
- Beh… piuttosto di morire così… ma lei ricorda come finito l'ultimo episodio? Saturnino e le due regine stanno per morire schiacciati dentro il minareto che crolla. Non si salveranno questa volta.
- Chissà. Io non ne sarei così sicuro.
- Proprio la stessa cosa che dicevo io la volta scorsa Saturnino era stato sepolto nelle necropoli egizie in stato di… come si dice?
- Insomma se il minareto non gli crolla addosso… io al posto di Farandola, questa volta, mi ravvederei e accetterei di sposare quella Miss Flora (che in fondo non è un partito da buttar via) e metterei su famiglia.
- Ecco, caro signore. Ma lei non è al posto di Saturnino Farandola.
- Sì perché Saturnino Farandola… ah!

Ultima puntata (SPOILER)

Nella puntata finale, l'intervento provvidenziale di un uragano molto violento spara il minareto, in cui erano bloccati Saturnino e le due principesse, nello spazio.
Saturnino arriva sulla luna ma anche le sue peripezie non cessano. Qui i tre incontreranno un popolo volante, forse discendenti di farfalle spaziali a giudicare dal loro enorme naso a spirale, che cattureranno le due donne. Saturnino non riuscirà a salvarle perchè un provvidenziale tornato risparerà il minareto, con lui dentro, nuovamente sulla terra.
Ma alle donne non andrà male, infatti sposeranno due indigeni lunari e saranno trattate, da quei nasuti e variopinti farfalloni, quali le regine che erano.
A saturnino non resterà, alla fine che allontanarsi dalla nostra civiltà e ritornare alle sue amate scimmie.

----------------------------------------------------------------------------

Sigla Finale:

La puntata terminava con un invasione nella sala di proiezione di grossi scimmioni che, al suono di "Gru gra grongro grugrù gragrà" ballano e si dimenano spaventando i presenti.

Ecco di seguito alcune Aste su Ebay relative a Saturnino Farandola:

E alcune immagini tratte dalle locandine o copertine di libri

Saturnino Farandola con Mariano Rigillo su rete due

Curiosità:

Marzolino Tarantola è un fumetto italiano, uscito quasi in contemporanea anche come cartone animato, creato da Bonvi. È comparso per la prima volta sul piccolo schermo, all'interno del famoso programma Supergulp nel 1979. I riferimenti a Saturnino Farandola sono solo nel nome infatti la storia di Bonvi si basa su una gara automobilistica in cui partecipa Marzolino e il suo 'equipaggio' (Enrico e il maggiordomo Alfred) e del suo acerrimo nemico il professor Moriatry.

Condividi post

Pubblicato da anni70-latvdeiragazzi - in tv dei ragazzi
scrivi un commento

Presentazione

  • : TV dei ragazzi anni 70 e 60 ma non solo
  • TV dei ragazzi anni 70 e 60 ma non solo
  • : Questo blog dedicato alla TV DEI RAGAZZI anni 70 nasce come tentativo di recuperare informazioni e frammenti della nostra memoria bambina relativi a programmi tv anni 60 e anni 70, cartoni animati, sceneggiati rai, scatole giochi e giochi per bambini
  • Contatti

Ricerca All'interno Del Blog